Ghouls 'n Ghosts

Dimenticatoio:

underconstruction.gif Questa voce è ancora in costruzione. Se puoi, registrati e contribuisci per completare e migliorare l'articolo.
Per visualizzare l'elenco completo delle voci in costruzione, vedi la relativa categoria Laboratorio.
Su Dimenticatoio siete voi i veri protagonisti del sito.

Videata del primo livello di Ghouls 'n Ghosts per Commodore 64
Ingrandisci
Videata del primo livello di Ghouls 'n Ghosts per Commodore 64

Ghouls 'n Ghosts è un videogioco prodotto da Capcom, uscito nel 1989.


Fu disponibile in varie versioni, tra le quali in cabinet per le sale giochi (in alcune si può trovare pure attualmente), per PC Commodore, Amiga e Sega. Si tratta di un platform (piattaforma) dall'ambientazione magica e tetra, nel quale un cavaliere (sir Arthur) deve salvare una principessa (Plin plin, di cui vengono anche date le misure alla fine del gioco) affrontando insidie di ogni tipo.

A disposizione vi sono vite acquisibili durante la partita, rappresentate da un'armatura. Nel caso si venga colpiti da uno dei mostri del gioco (come scheletri che escono dal terreno), l'armatura si perde ed Arthur resta seminudo e, in caso di un secondo colpo, la vita si perde. Particolarmente curioso è il fatto che Arthur resti in boxer, e che giunto all'ultimo gradino di una scala resti in posa "ambigua"...

Da ricordare pure un mago, che appare nel gioco ed è in grado di trasformare il giocatore temporaneamente in un'anatra, incapace quindi di poter sparare per difendersi dai mostri, oppure un vecchio (dai riflessi e movimenti lenti).

Le armi a disposizione sono molteplici, anche esse acquisibili tramite alcuni vasi spesso portati da mostri da abbattere; si parte da semplci lance, per ottenere poi dispositivi come pugnali, stelle ninja, alabarde, spade e palle infuocate.

Importante è pure l'acquisizione di armi speciali, che possono essere di vario tipo a seconda dell'arma che si possiede. Esse devono essere caricate, tenendo premuto il tasto di fuoco e poi fatte agire in tutta la loro portata distruttiva. Possono essere però perse assieme alle vite. Naturalmente, ciò vale solo quando Arthur indossa l'armatura dorata.

Vi sono vari schemi in cui è diviso questo videogame: dal primo (una tetra foresta piena di rovine), al secondo (un'ambientazione con mulini a vento sullo sfondo) arrivando al terzo (uno strano mondo nel quale Arthur vola sopra un pezzo di terreno) e così via... fino al castello di Lucifero.

Una volta battuto l'ultimo mostro, non si accede al portone dietro cui si nasconde Lucifero: appare San Michele che dice ad Arthur di non essere ancora pronto e gli chiede di ricominciare il suo cammino dall'inizio. La dea però gli verrà in soccorso, aiutandolo con un'arma speciale. Il gioco ricomincia daccapo, e stavolta - superato l'ultimo mostro - si può combattere contro Lucifero.

Il gioco risulta di semplicissima giocabilità e pure interessante, questo l'ha portato in alto tra gli amanti del genere.

Ne è stato pure prodotto un seguito, ma di minore successo e fama. Da notare inoltre la colonna sonora, ottima musicalmente su Commodore 64 e 128 (utilizzando al meglio tutti i sintetizzatori del vecchio computer) ma scarna su Amiga.



Se hai gradito questa pagina crea un link sul tuo blog o sul tuo sito copiando questo tag
Link html oppure Indirizzo url:
Personal tools
Messaggi (TagBoard)